AGEO fondazioni speciali
AGEO s.r.l.
   SOCIETA'
   CONTATTI
Torna su
 

 

ENERGIA IDROELETTRICA - MINI IDROELETTRICO

Energia dell'acqua

La realtà dello sfruttamento dell’energia idroelettrica in Italia vanta la più antica tradizione. Infatti nel campo delle energie rinnovabili, il potenziale di sfruttamento è pari ad oltre il 70%.
Lo sviluppo di tecnologie innovative nel campo della componentistica elettrica, ha reso notevolmente interessante lo sviluppo di applicazioni di Mini Idroelettrico.
Con questa terminologia si intendono applicazioni che utilizzino l’acqua come fonte rinnovabile, anche nel caso in cui il sito specifico non presenti corsi d’acqua caratterizzati da elevate portate, grossi salti di potenziale (quota), e sistemi di stabilizzazione del flusso. In particolare questa tecnologia ha riscontrato negli ultimi anni, un notevole successo da parte delle amministrazioni ocali, tanto cjhe numerosi Comuni si soni dotati di impianti principalmente connessi con la rete elettrica, capaci di rendere autonomi le comunità dal punto di vista energetico, tanto da ricevere riconoscimenti di efficienza energetica a livello europeo. Manca ad oggi una politica nazionale di incentivazione e sviluppo del tema delle energie rinnovabili.

Le applicazioni nel settore del Mini Idroelettrico, prevedono per il corso d’acqua in esame, il mantenimento del Deflusso Minimo Vitale (DMV), ossia delle caratteristiche di portata del corso d’acqua a valle dell’opera di presa o derivazione, nonché delle caratteristiche chimico-fisiche del suo ecosistema. Inoltre, in questa tipologia dio impianti, la turbina, produce energia elettrica in proporzione alla disponibilità d’acqua della fonte, modificandone notevolmente la produzione, in funzione della stagionalità e quindi della piovosità del corpo idrico. In questo modo si garantisce un minimo impatto ambientale.

AGEO Srl, progetta e realizza impianti con applicazioni che utilizzano le migliori tecnologie presenti sul mercato, sia nel caso di opere di presa o derivazione già esistenti a scopi misurativi, che nel caso di impianti di nuova realizzazione comprese le eventuali opere accessorie.
In particolare vengono realizzati impianti con potenze nominale in KW che variano tra 10 e 90 e con salti di quota pari a 1 - 9 mt., definiti come:
- micro (potenza da 0 a 100 kW), mini (potenza da 100 kW ad 1 MW), small (potenza da 1 MW a 5 MW).
Gli impianti idroelettrici di piccola taglia, al di sotto dei 100 kW di potenza, riducono drasticamente, e spesso azzerano, i problemi di carattere ambientale favorendone quindi la diffusione e l’impiego. I piccoli impianti sono realizzabili quando sul territorio è presente una portata d’acqua, anche modesta, con un salto anche di pochi metri. Gli impianti di potenza superiore ai 20kW devono essere regolarmente denunciati all’Ufficio tecnico di Finanza come Officine Elettriche, rendendo però possibile in questo modo anche il collegamento alla rete nazionale. L’idroelettrico di piccola taglia, se ben ubicato e proporzionato, è quindi economicamente competitivo sia rispetto alle altre fonti energetiche rinnovabili sia rispetto a quelle tradizionali. Numerosi poi sono i benefici legati alla realizzazione di questi impianti: producono energia elettrica vicino alle utenze (in maniera più costante dell’eolico o del fotovoltaico), sono poco ingombranti e, per la loro struttura compatta, sono relativamente semplici da trasportare anche in luoghi inaccessibili.

 

 
Fondazioni Speciali s.r.l. - Sede legale: Via Turati 27, 20068 Peschiera Borromeo (MI) - P.IVA: 07126290969